Ravvedimento operoso calcolo interessi e sanzioni D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 aggiornato 2011
 
    
Contenzioso TributarioRavvedimento operoso  
 
 
 
Ravvedimento operoso Minimize
 
D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472
(S.O. n. 4/L alla Gazz. Uff. n. 5 dell'8 gennaio 1998)
Art. 13
Ravvedimento
Ultima Modifica: L. 13 dicembre 2010, n. 220
Decorrenza: Dal 1° febbraio 2011     
1. La sanzione è ridotta (2), sempreché la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l'autore o i soggetti solidalmente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza:      
a) ad un decimo (3) del minimo nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, se esso viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua commissione; (4)      
b) ad un ottavo (5) del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la   presentazione   della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore;      
c) ad un decimo (6) del minimo di quella prevista per l'omissione della presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non superiore a novanta giorni ovvero a un decimo (6) del minimo di quella prevista per l'omessa presentazione della dichiarazione periodica prescritta in materia di imposta sul valore aggiunto, se questa viene presentata con ritardo non superiore a trenta giorni.    
2. Il pagamento della sanzione   ridotta   deve   essere   eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, quando dovuti, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale (7) con maturazione giorno per giorno.    
3. Quando la liquidazione deve essere eseguita dall'ufficio, il ravvedimento si perfeziona con l'esecuzione dei pagamenti nel termine di sessanta giorni dalla notificazione dell'avviso di liquidazione.     [4. ...]    
5. Le singole leggi e atti aventi forza di legge possono stabilire, a integrazione di quanto previsto   nel   presente   articolo,   ulteriori circostanze che importino l'attenuazione della sanzione. Note: 
(1) Vedasi l'art. 2, commi 8 e 8-bis, D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, circa     la possibilità di presentare dichiarazioni integrative per correggere     errori ed omissioni.
(2) Vedasi:     - l'art. 1, comma 3, D.L. 17 giugno 2005, n. 106, secondo cui le       riduzioni delle sanzioni previste dal presente articolo non si       applicano in caso di violazione dell'obbligo di versamento a saldo       dell'imposta regionale sulle attività produttive relativo al periodo       d'imposta in corso al 17 giugno 2005 e al periodo d'imposta       precedente;     - l'art. 1, comma 1, D.L. 7 giugno 2006, n. 206, convertito dalla L. 17       luglio 2006, n. 234, secondo cui le riduzioni delle sanzioni previste       dal presente articolo non si applicano in caso di  violazione       dell'obbligo di versamento in acconto o a saldo   dell'imposta       regionale sulle attività produttive relativo al periodo d'imposta in       corso alla data dell'8 giugno 2006.
(3) Parole così sostituite alle precedenti “un dodicesimo” dall’art. 1,     comma 20, lett. a), L. 13 dicembre 2010, n. 220.        Ai sensi del successivo comma 22, citato art. 1, L. n. 220/2010, la     disposizione si applica alle violazioni commesse a decorrere dal 1°     febbraio 2011.
(4) Vedasi l'art. 34 ("Disposizioni in materia di compensazione   e     versamenti diretti"), comma 4, L. 23 dicembre 2000, n. 388.
(5) Parole così sostituite alle precedenti “un decimo dall’art. 1, comma     20, lett. a), L. 13 dicembre 2010, n. 220.        Ai sensi del successivo comma 22, citato art. 1, L. n. 220/2010, la     disposizione si applica alle violazioni commesse a decorrere dal 1°     febbraio 2011.
(6) Parole così sostituite “un dodicesimo” dall’art. 1, comma 20, lett. a),     L. 13 dicembre 2010, n. 220.        Ai sensi del successivo comma 22, citato art. 1, L. n. 220/2010, la     disposizione si applica alle violazioni commesse a decorrere dal 1°     febbraio 2011. (7) Il saggio degli interessi legali è determinato con decreto del Ministro     del tesoro ai sensi dell'art. 1284 del Codice civile. 
 
 
 
 
Tag Headers Minimize
 
 
 
Visitatori dei siti fiscali e legali Minimize
 
Free counters!
 
 
NETWORK FISCALE SRL UNIPERSONALE 2012 - 2050 P.I. & C.F. 12059071006 Privacy Statement Terms Of Use